Top
Come ci si sposta in Norvegia - Finnamark

Vivo all’estremo nord della Norvegia da qualche mese e in questo articolo ho spiegato perchè sono qui, cosa faccio e come vivo.

Vivere in Finnamrk

Sui social mi fate tantissime domande a cui spesso rispondo durante le dirette, ma meglio mettere nero su bianco, così se siete curiosi ecco qui le risposte alle domande che mi fate più spesso:

Perchè sei finita nella tundra norvegese?

Come vivi lì? Cosa fai?

Mi occupo di gestire la guesthouse del minuscolo e sperduto paesino di Kongsfjord, che si affaccia sul Mar Glaciale Artico.  E’ tutto scritto nel primo articolo :)

Come è il riscaldamento nelle case?

Al contrario di come si tende a pensare qui non ci sono molti camini. Nella tundra non crescono alberi, la legna quindi costa, e spesso si raccoglie la legna che arriva sulla spiaggia, portata dal mare. Le case sono costruite in legno e si fa molta attenzione agli incendi, per questo ci sono più stufe che camini aperti.

A parte qualche stufa, principalmente il riscaldamento è elettrico, alimentato da energia eolica. In queste zone il vento è molto forte e ci sono le pale eoliche per produrre elettricità, che costa pochissimo.

Quali animali ci sono?

Non essendoci foreste e vegetazione, in piena tundra i mammiferi non sono molti, ma ci sono molti uccelli marini e può essere un paradiso per i fotografi naturalistici e i birdwatcher.

Ci sono le renne e le volpi rosse; se si è fortunati si può vedere anche la volpe artica, quella tutta bianca. L’altro giorno abbiamo visto un ermellino in “versione invernale”, quindi col mantello bianco e a volte sulla riva della spiaggia di Kongsfjord c’è una famiglia di simpatiche foche.

Renne Norvegia

© Max Biasioli 

Nei fiordi del nord non è raro avvistare orche e balene, ci sono escursioni guidate per avvistarle.

Ci sono gli orsi polari?

No, qui a nord della Norvegia non ci sono gli orsi polari, ma ci siamo vicini… L’orso polare  – il più grande carnivoro del pianeta – vive nelle zone settentrionali di Alaska, Russia e in Groenlandia; ma il 60% degli orsi polari vive al nord del Canada.

Qui in Norvegia gli orsi polari vivono alle Isole Svalbard, più a nord dell’estremo nord della Norvegia continentale.

C’è luce o c’è buio?

Queste sono le informazioni per l’estremo nord della Norvegia, dove vivo attualmente, all’altezza di Capo Nord. Fai attenzione che questi dati cambiano considerevolmente al nord, centro e sud della Norvegia.

Puoi consultare questo sito per vedere gli orari di alba e tramonto nelle varie tappe del tuo viaggio.

In periodo invernale – dicembre fino a metà gennaio – c’è la NOTTE POLARE: il sole non sorge e c’è buio 22/24 ore al giorno per almeno due mesi.

Alba e tramonto Norvegia Estremo nord

 

Vediamo solo un po’ di luce crepuscolare verso metà giornata, poi buio pesto. Bastano un po’ di nuvole per non vedere neanche la debole luce crepuscolare del mezzogiorno.

Crepuscolo polareImmagini di un meraviglioso (inusuale) crepuscolo polare con luce calda
27 novembre 2020, ore 11 del mattino

Verso fine gennaio il sole torna a fare capolino sopra l’orizzonte, finalmente sorge!

Ad inizio febbraio ci sono 4 ore e mezza di luce circa, e a fine febbraio abbiamo già 9 ore di luce.
Ad inizio marzo abbiamo 10 ore di luce al giorno, e a fine marzo ce ne sono 14.
A fine aprile abbiamo già 19 ore di luce solare.

A metà maggio inizia il SOLE DI MEZZANOTTE: il sole non tramonta.
A giugno e luglio c’è luce sia di giorno che di notte.
Ad agosto iniziano pian piano a diminuire le ore di luce, ma a fine agosto ci sono ancora 15 ore di luce al giorno.

A settembre si inizia con 15 ore di luce per finire con 11 ore.
Ad ottobre le ore di luce calano drasticamente di giorno in giorno, 9/10 ore a inizio ottobre, per poi finire con 6 ore di luce a fine mese.

A novembre inizia a prevalere il buio, 3/4 ore di luce e verso il 21 novembre inizia la notte polare: per tutto dicembre il sole non sorge, per poi tornare in cielo il 21 gennaio .

In questo periodo praticamente è sempre buio, c’è solo una debole luce fredda verso metà giornata, è la rifrazione della luce solare nell’atmosfera, ma il sole rimane sotto l’orizzonte, quindi non vedrai i raggi del sole per due mesi.

 

Qual è il periodo migliore per viaggiare da queste parti?

Dipende da cosa cerchi. Il calendario dei mesi di luce e buio in questo articolo può aiutarti a scegliere.

Tutti evitano i mesi di buio di dicembre e gennaio, ma io li apprezzati molto. Credo che in mesi invernali di buio siano perfetti per scrittori, poeti, amanti della meditazione e dello yoga, lettori e lupi solitari.

Marzo è un buon periodo per fare un viaggio all’estremo nord della Norvegia: l’equilibrio luce e buio è ottimo e la leggenda dice che c’è più probabilità di vedere le aurore boreali. I paesaggi saranno innevati e vedrete panorami incredibili.

Aurora Boreale Kongsfjord

© Francesco Rovedo 

Nei mesi estivi di giugno, luglio e agosto potrete godere delle lunghe giornate (e nottate) di sole, ma potreste trovare molti turisti.

A seconda della stagione il panorama cambia considerevolmente: da dicembre a marzo infinite distese di ghiaccio e neve, che si colorano di verde nei periodi primaverili estivi.

Secondo i miei gusti, consiglio febbraio/marzo e settembre/ottobre: il giusto connubio tra luce e buio, evitando i mesi di alta stagione turistica. I primi mesi dell’anno regalano stupefacenti panorami innevati, paesaggi monocolore, dove non si vede il confine tra cielo e terra.

Come ci si sposta in Norvegia - Finnamark

A settembre e ottobre non c’è neve, i paesaggi sono completamente diversi, sarà più semplice muoversi e viaggiare.

Come si arriva lì?

L’aeroporto più vicino è quello minuscolo di Berlavåg, ma non ha molto senso arrivare dall’Italia fino Berlavåg in aereo. Avresti comunque bisogno di un auto per muoverti, che puoi noleggiare solo nei grandi aeroporti e soprattutto Kongsfjord può essere una tappa del tuo viaggio (ameno che non fai parte della categoria, scrittori solitari.. in tal caso vieni fuori stagione anche in aereo).

La soluzione migliore è arrivare ad Oslo o a Tromso e noleggiare un’auto, per poi risalire verso nord lungo la strada dei fiordi e, dopo aver toccato Capo Nord, fare tappa anche qui nella guesthouse di Kongsfjord.

Sia chiaro che qui, al momento (febbraio 2021) non c’è nulla. Se siete viaggiatori autonomi, solitari, che vi emozionale ammirando un’aquila di mare il posto è perfetto. Se cercate attività organizzate stiamo lavorando alla creazione di escursioni guidate in barca o a piedi, attività di birdwatching e altro ancora; per l’estate 2021 dovremmo essere pronti con nuove attività esplorative!

 

Quanto costa dormire nella guesthouse di Kongsfjord?

Preparatevi, in Norvegia è tutto molto più caro che in Italia!

I costi delle strutture nei grandi centri abitati possono essere più convenienti, perchè c’è concorrenza, mentre le strutture isolate e immerse nella natura, costano un po’ di più. E ha anche senso… nel primo caso dormi in città, nel secondo caso dormi di fronte al Mar Glaciale Artico.

Qui a Kongsfjord i prezzi per una stanza doppia variano dagli 80€ con bagno in condivisione, fino a 130€ in guesthouse con bagno privato. La soluzione più conveniente è prenotare un appartamento, dove il prezzo fisso indipendentemente dal numero di persone e ci si può autogestire i pasti. Per soggiorni in appartamento per più di 2 notti il prezzo cala, quindi conviene.

Per ogni informazione che riguarda viaggi eventuali viaggi e pernottamenti in guesthouse mi raccomando non scrivete direttamente a me, ma a [email protected]

Altre domande e curiosità?

Chiedi nei commenti qui sotto o su Instagram @ViaggiareLibera

post a comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »
error: Copiare testi e immagini protetti dal diritto d\'autore è un reato a tutti gli effetti (Legge sul Diritto d\\\'autore, Art.171)