Pages Navigation Menu
InstagramTwitterRssFacebook

Un’accademia di arti culinarie in Cambogia

amok
Ammok, specialità cambogiana
La SSAT, Scuola Superiore Alberghiera e del Turismo di Bellinzona, ha organizzato nella giornata di  sabato 28 gennaio,  l’evento “Destinazione Cambogia”, per sostenere il progetto di Shift360, che prevede l’avviamento di un’accademia di arti culinarie a Phnom Penh.
Ho partecipato come relatrice al convegno ed ho avuto il piacere di presentare, oltre alla Cambogia come meta turistica, anche il suo popolo, la sua gente, condividendo anche le mie esperienze personali di viaggio. La giornata è iniziata con un corso di cucina cambogiana e nel pomeriggio si è tenuta una conferenza, mirata a promuovere il turismo in questo paese così ricco di storia e cultura.

L’evento si è concluso con una piacevole serata all’insegna del cibo e della musica cambogiana, con tanto di musicisti e ballerine. 
Hanno preso parte alla conferenza il giornalista ticinese Roberto Schneider, raccontando le sue esperienze di viaggio, e Vito Valecce, professore della scuola, che ha presentato il progetto. Io ho presentato la Cambogia attraverso un itinerario virtuale ripercorrendo non solo i lugohi di interesse turistico, ma anche i luoghi meno esplorati, sottolineando anche l’interesse storico-culturale di questo paese.  
Il progetto è molto interessante e soprattutto è già ad un buon punto di realizzazione. Sono ormai consolidati i rapporti col Ministro del Turismo cambogiano, che appoggia pienamente l’iniziativa di avviare a Phnom Penh la Royal Academy of Culinary Arts
I datori di lavoro del settore alberghiero cambogiano hanno difficoltà a trovare personale qualificato, allo stesso tempo il tasso di disoccupazione in Cambogia rimane elevato. Nonostante i numerosi programmi di formazione superiore disponibili in Cambogia, il tasso di occupazione degli studenti dopo gli studi è incredibilmente basso. Grazie alla collaborazione di Shift360 con “Cambodian Hotel Association” e “Cambodian Restaurant Association” e molte altre realtà a livello globale, verrà invece creato un percorso diretto dalla formazione al lavoro. L’ Accademia si trova a 20 minuti da Phnom Penh e sarà attiva entro la fine del 2012. Offre 2 percorsi formativi:
  • “Culinary Arts Diploma”, un programma di due anni che prevede teoria, pratica e formazione sul luogo di lavoro. 
  • “Professional Skills Development”, un breve corso di perfezionamento per chi già lavora nel settore alberghiero. 
Gli obiettivi  sono: 
– formare almeno 100 laureati all’anno 
– incrementare l’assunzione di personale cambogiano qualificato 
– favorire un maggior controllo della qualità del cibo e nell’igiene alimentare, con conseguente miglioramento della salute pubblica (ricordiamoci che in Cambogia sono presenti malaria, epatite e tifo).
Il progetto coniuga l’aspetto sociale con quello economico, non a caso il responsabile del progetto Pierre Tami, fondatore dell’associazione umanitaria Hagar e di Shift360, si definisce un “imprenditore sociale”, una via di mezzo tra il missionario e l’imprenditore.
Fiduciosa sull’esito del progetto… non mancherò di visitare l’Accademia durante il mio prossimo viaggio in Cambogia.

Per maggiori informazioni sulla Scuola Alberghiera di Bellinzona visitate il sito http://www.ssat.ch/ 
Per maggiori informazioni sul progetto della Royal Academy of Culinary Arts visitate il sito http://www.shift360.ch/



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »