Top
Valentina Miozzo, Foresta Umbra

Articolo in partnership con Puglia Promozione, con cui ho potuto esplorare la Foresta Umbra, accompagnata da una guida ambientale esperta.


La Foresta Umbra si trova in Puglia, nel Parco Nazionale del Gargano, e le sue faggete vetuste, tra le più antiche d’Italia, sono Patrimonio dell’Umanità Unesco dal 2017.

Valentina Miozzo, Foresta Umbra

Questa foresta è anche tra le foreste più grandi d’Italia. Si estende nei Comuni di Monte Sant’Angelo, Vieste, Vico del Gargano, Carpino e Peschici.

Ma arriviamo al punto, perché la domanda sorge spontanea…

PERCHè LA FORESTA UMBRA E’ IN PUGLIA?

La parola “umbra” non si riferisce alla Regione.

Potrebbe derivare da antiche popolazioni umbre che abitavano quest’area, ma l’ ipotesi più probabile è che la parola “umbra” si riferisca al latino umber, che significa fitto, ombroso, cupo.

Una fitta foresta ombrosa, ecco la Foresta Umbra. Svelato l’arcano.

PERCHè UNA FORESTA E’ PATRIMONIO UNESCO?

Tra i 59 siti italiani Patrimonio Unesco, solo 5 sono siti d’importanza naturalistica.

Dal luglio 2017 le faggete vetuste della Foresta Umbra sono Patrimonio dell’Umanità – perché rientrano tra le “Antiche faggete dei Carpazi e di altre regioni d’Europa” – e ne viene quindi riconosciuto l’elevato valore naturalistico.

Cosa significa “foreste vetuste”?

“Vetusto” significa antico, che appartiene al passato; qualcosa è vetusto quando la sua antichità ne aumenta il valore.

Le faggete vetuste hanno più di 600 anni, ma non si tratta semplicemente di foreste con alberi vecchi, ma di ecosistemi complessi in cui, oltre agli alberi di una certa età, sono presenti grandi quantità di necromassa (legno morto) e i cosiddetti “alberi habitat”.La Foresta Umbra - Faggeta vetusta

Gli alberi habitat sono grandi alberi morti, fondamentali per la creazione del sottobosco, dell’humus e per la sopravvivenza di altre specie, perché utilizzati come luoghi di rifugio e nidificazione.

CHE ANIMALI CI SONO NELLA FORESTA UMBRA?

Dal punto di vista faunistico la Foresta Umbra ospita tantissime specie di animali come cinghiali, caprioli, daini, volpi, tassi, gatti selvatici, donnole.

Volpe che beve

C’è anche una ricca avifauna, nella foresta troviamo corvi, picchi, usignoli, merli e pettirossi. Ci sono anche numerosi rapaci come il barbagianni, la civetta, la poiana, il nibbio, lo sparviero, l’allocco e il grande gufo reale.

E’ stato anche avvistato il lupo appenninico. Il ritorno del lupo nel Gargano è sicuramente dovuto alle misure di tutela della specie, che ne stanno aumentando la popolazione.

CHE PIANTE ED ALBERI CI SONO NELLA FORESTA UMBRA?

Definita anche come Il Polmone Verde della Puglia, la Foresta Umbra vanta una ricca e variegata flora. Al suo interno si possono trovare numerose specie di alberi, in primis i faggi, poi cerri, lecci, tassi, aceri e carpini.

Tra le piante più rappresentative della Foresta Umbra ci sono anche il fragno, una specie endemica del Gargano, e il bosso, un arbusto sempreverde che cresce lungo i versanti delle valli.

La Foresta è suddivisa in 3 macro-aree per quanto riguarda la distribuzione floristica:

  • la zona superiore della faggeta (84% circa di faggi, il resto tassi, aceri, carpini ecc.);
  • la zona intermedia della cerreta (45% di cerri e altre querce, 21% di faggi, poi carpini, aceri, tigli ecc..)
  • la zona bassa del bosco mediterraneo con lecci e specie minori.

La foresta ospita anche una varietà di orchidee, piante aromatiche e specie rare, che contribuiscono a rendere questo luogo un vero paradiso per gli amanti della natura e del trekking.

TREKKING NELLA FORESTA UMBRA

La Puglia è una meta ideale per gli amanti dell’ecoturismo, ci sono molti percorsi escursionistici in tutta la Regione.

Nella Foresta Umbra ci sono 15 sentieri ufficiali di diversa lunghezza e difficoltà, alcuni adatti a principianti, altri per escursionisti esperti, altri per mountain bike. Sono stati creati nel pieno rispetto di fauna e flora recuperando vecchie mulattiere.

Sono tutti ben segnalati, con cartelli direzionali e segnavia in vernice gialla, che consentono di immergersi in natura in autonomia senza la paura di perdersi. È possibile anche partecipare ad escursioni guidate con guide esperte del territorio.

Trekking nella Foresta Umbra

Nel Comune di Monte Sant’Angelo è presente anche un Centro Visite della Foresta Umbra dove troviamo un Museo Naturalistico e uno sportello informativo con cartine, materiale informativo, gadget, e si possono anche noleggiare le mountain bike.

Vicino al museo c’è anche un’area faunistica che ospita daini e mufloni e un piccolo arboreto dove riconoscere gli alberi segnalati con cartellonistica informativa.

Il Museo è aperto tutti i giorni dalle 9.00 alle 19.00, dalla domenica delle Palme fino a fine settembre. Negli altri periodi è possibile visitarlo su prenotazione.

Intorno al centro visite è possibile percorrere brevi sentieri, tra cui quello che porta al Laghetto d’Umbra per poter ammirare tartarughe, pesci e rane, e rilassarsi al bordo del lago.

La Foresta Umbra è senza dubbio una delle foreste più belle che abbia mai esplorato: il verde smeraldo in primavera è quasi abbagliante, in estate è un luogo magico per fuggire dalla calura estiva, d’inverno si tinge spesso di bianco e d’autunno diventa fiabesca, con il foliage dalle calde sfumature.

Queste foreste meritano, senza alcun dubbio, di essere Patrimonio dell’Umanità.

Loghi Regione Puglia - Puglia Promozione

post a comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Copiare testi e immagini protetti dal diritto d\'autore è un reato a tutti gli effetti (Legge sul Diritto d\\\'autore, Art.171)