Pages Navigation Menu
InstagramTwitterRssFacebook

Fiera “Nera Rurale”: storia, sapori e tradizioni dell’Umbria contadina

Borghi, fattorie, torri medievali, paesaggi fuori dal tempo, abbazie ed eremi e quindicimila abitanti che abitano i 9 piccoli comuni della Valle della Valnerina, la verde vallata nell’Umbria sud-orientale che prende il nome proprio dal fiume che l’attraversa, il Nera.

Dov'è la Valnerina - mappaQuesto splendido territorio ricco di storia, tradizioni popolari e prodotti tipici ha il desiderio di raccontarsi e di accogliere, e lo farà il prossimo weekend, il 28 e 29 marzo, durante la Fiera “Nera Rurale”, organizzata dal Comune di Scheggino – detto anche Il Diamante Nero – in collaborazione con l’Associazione Sviluppo Rurale. Sono stata invitata come blogger e quando si tratta di promuovere la cultura rurale e i suoi prodotti sono sempre contenta di collaborare e parteciperò assieme ad altre quattro blogger per raccontare il luogo, la storia, le persone e le tradizioni gastronomiche di questa terra. La fiera sarà ricca di attività: prodotti tipici, workshop, mostre e musica.

Fiera Nera Rurale Valnerina

Interessante il workshop “Tra antiche tradizioni e mondi tecnologici”, che tratta un tema di fondamentale importanza oggigiorno: il mondo rurale ha difficoltà a seguire la tecnologia e spesso non riesce a stare al passo coi tempi. Lavorando da tempo per la promozione di alcuni agriturismi biologici in Emilia Romagna posso dire che questo è l’ostacolo che rende più difficile la promozione del territorio e del turismo rurale, quindi il tema mi interessa particolarmente.

Nel weekend avrò la possibilità di degustare i prodotti tipici della Valnerina: lo Zafferano purissimo di Cascia, il Tartufo Nero di Norcia, la Roveja di Civita di Cascia (presidio slowfood), la Cicerchia, i formaggi caprini e pecorini e tanto altro, sono veramente stupita dalla ricca varietà di prodotti.

Un video-assaggio dei volti della Valnerina, perchè dietro il cibo c’è (dovrebbe esserci) sempre una Storia e soprattutto le Persone.


“Qui dove il tempo non preme,
dove la velocità e la frenesia sono bandite….
si può mangiare cibo che sa di donne e uomini e terra, di grano , erba e vento…

e bere l’uva con dentro il sole e il suo colore.”  

Mario Benozzo



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »