Pages Navigation Menu
InstagramTwitterRssFacebook

10 consigli per chi vuole viaggiare in solitaria

Il fenomeno dei viaggiatori solitari negli ultimi anni è in costante crescita, ma non dobbiamo più immaginare la figura del vecchio hippy un po’ disadattato, perché le motivazioni che portano alla scelta di partire da soli sono svariate: c’è chi non ha voglia di sottostare ai ritmi di un gruppo e preferisce prendere le cose con calma seguendo il proprio battito; oppure chi ha in mente un itinerario ben preciso e nessuna voglia di dover scendere a compromessi con altri compagni; o magari vuole solo mettersi alla prova e vivere un’esperienza senza nessuno attorno per capire i propri limiti.Viaggiare da soli consigli

In questa sfera di viaggiatori, nomadi o stanziali a seconda del viaggio che hanno scelto di intraprendere, rientrano anche gli studenti Erasmus e gli expat che emigrano per periodi più o meno lunghi per studiare o in cerca di un lavoro. Anche questi, come i viaggiatori, noteranno subito che non si è mai davvero soli perché è facile conoscere altre persone, sia locali che stranieri, con le quali condividere pezzetti di strada e di vita. Tutto ciò ti arricchirà, ti permetterà di conoscere modi di pensare diversi dal tuo e comporrà il grande mosaico di ricordi che sarà il tuo patrimonio umano.

Per viaggiare soli è bene avere presente alcune regole base:

1) Prima di partire fai delle ricerche approfondite sul luogo in cui intendi andare: conoscere usi e consuetudini, come abitudini alimentari e abbigliamento, è un approccio intelligente per non mettersi nei guai; approfondire la storia del paese e le sue tradizioni, imparare qualche parola nella lingua locale. In viaggio poi è bene essere muniti di una guida e soprattutto di una cartina per capire dove ci troviamo, come spostarci e chiedere indicazioni in caso di smarrimento.

2) Parti con un kit farmaceutico di primo intervento perché se si viaggia da soli bisogna provvedere a sé stessi anche quando si è impossibilitati a uscire dalla stanza: non è detto debba capitare alcunché di grave, ma la febbre o i disturbi gastrointestinali si possono curare con compresse portate da casa; per prevenire malanni sarebbe meglio fare una cura di fermenti lattici prima di partire e durante il viaggio, evitare cibi equivoci e bevande non in bottiglia, tenersi lontani dall’aria condizionata, che in alcuni paesi tropicali rasenta temperature polari; in ogni caso è sempre meglio aver stipulato un’assicurazione di viaggio prima della partenza.

3) Porta una copia autenticata dei documenti, da custodire ovviamente in un posto diverso dagli originali, e salvane comunque una copia su un sistema cloud, o sulla mail.

4) Viaggia leggero, spiritualmente e materialmente. Libera quindi la mente da pensieri negativi, apriti al mondo e porta in valigia solo ciò che è necessario, dai un’occhiata alla mia lista di Cosa mettere nello zaino per un lungo viaggio. Se hai in programma di fermarti a lungo in un posto o se sei in viaggio per più mesi in diverse nazioni, puoi inviare un pacco a casa. Io viaggio spesso per lunghi periodi ho sempre fatto così. Spedendo parte del tuo bagaglio (le guide turistiche dei paesi già visitati, souvenirs che ti piacerebbe avere, ma che ti appesantiscono) viaggerai più leggero e non rinuncerai a ciò che vorresti portati a casa. Packlink è utile per comparare i prezzi di vari corrieri nazionali e internazionali e scegliere i migliori costi di spedizione.

Spedizione pacco dall'India

Dall’India invio spesso incensi e souvenirs 

5) Resta connessi col mondo, ma lascia a casa la tua sim italiana, fattene una locale ed entra completamente nel viaggio. Darai il tuo nuovo numero solo ad amici selezionati e familiari, così non riceverai chiamate e messaggi indesiderati, che, oltre ad azzerarti il credito residuo, ti riporterebbero in un attimo alle problematiche di casa. Per comunicare appoggiati alle reti wi-fi, ormai ampiamente diffuse in gran parte del mondo.

6) Gestisci con attenzione i tuoi soldi: tieni i contanti in posti separati facendo diversi gruzzoletti; usa la money-belt sotto i vestiti, evita la carta di credito e portati invece una carta prepagata ricaricabile. Io ne porto sempre due, una MasterCard e una Visa, just in case… e più volte questa si è rivelata una saggia scelta!

7) Informarmati sui pericoli principali a cui si può andare incontro nel paese ospite: spesso sono piccole cose, ma possono rovinare il viaggio. Si tratta in questo caso di prendere delle precauzioni come: evitare i luoghi isolati, non andare in giro di notte e tutta una serie di consigli in base alla situazione del paese; in generale tieni sempre gli occhi aperti e usa il buon senso: se una situazione non ti convince, anche se non è palesemente pericolosa, allontanati e se sei importunato dì NO in modo deciso. Leggi anche, se vuoi i miei Consigli per viaggiare in sicurezza.

keep-calm-and-travel-on

8) Cammina il più possibile perché è il modo migliore per conoscere un luogo, sia che il viaggio duri poche settimane, sia che il luogo scelto possa diventare la tua seconda casa per un periodo più lungo. Camminare  permette di capire cosa ti circonda, di osservare le persone, i modi, gli oggetti, il cibo, e notarai tante cose che con altri mezzi non percepiresti.

9) Per gli alloggi consiglio di alternare soluzioni economiche e spartane, come gli ostelli o il couchsurfing, a soluzioni più confortevoli, soprattutto se viaggi a lungo: gratificarsi ogni tanto è fondamentale per avere energie e continuare il viaggio con piacere.

10) Pianifica un itinerario, ma lascia sempre qualcosa al caso: è utile fare una lista delle cose che vuoi fare e vedere, per capire la distanza tra i luoghi, i trasporti,  per dare un ritmo al viaggio, ma al tempo stesso lascia aperta la possibilità di cambiare rotta in base agli incontri e agli avvenimenti, per provare il gusto di meravigliarsi, lasciandosi andare a scoperte non programmate.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »