Top
Castel del Monte di Federico II

Castel del Monte si erge in tutta la sua bellezza sulla cima di un’altura delle Murge occidentali pugliesi, nel Comune di Andria.

E’ un castello fatto realizzare da Federico II di Svevia, si presume intorno al 1240, ma non si ha la certezza di una data esatta di inizio costruzione, né della sua funzione originaria; ci sono varie teorie, che vedremo in questo articolo.

Castel del Monte è Patrimonio Unesco dal 1996 e lo troviamo rappresentato nella versione italiana delle monete da 1 centesimo.

GLI INTERNI DEL CASTELLO

Una delle peculiarità di Castel del Monte è la sua pianta ottagonale con otto torrette, a loro volta ottagonali, disposte su ogni angolo.

L’edificio è imponente e maestoso, suddiviso in due piani uniti tramite tre scale a chiocciola all’interno di tre torri.

Ci sono sedici stanze, otto per ciascun piano, di forma trapezoidale.

Le decorazioni sono state danneggiate nei secoli, ma tramite la restaurazione si sono scoperte maioliche, dipinti murali di creature mitologiche e motivi vegetali, e paste vitree di un’ampia gamma di colori.

Interni di Castel del Monte, Puglia

I materiali usati sono tre: la pietra calcarea di color bianco-rosa, il marmo bianco e la breccia corallina di colore arancio-rosso che rivestiva un tempo tutti gli ambienti e dava un’importante nota di colore alla struttura.

FUNZIONE e STORIA DI CASTEL DEL MONTE

La posizione di dominanza lo rendeva un edificio essenziale nella rete dei castelli voluta da Federico II ma, al contrario di quanto si possa pensare, si è escluso che Castel del Monte avesse una funzione difensiva-militare per la totale assenza di un sistema di protezione, tipico di ogni castello di rappresentanza.

Il castello è privo di mura, non ha un fossato e non ha un ponte levatoio. 

Castel del Monte di Federico II

La presenza di rifiniture raffinate, bagni e camini in tutti i piani del castello, fanno pensare ad un uso residenziale, ma non c’erano cucine o camere da letto.

Considerando il curioso personaggio che ne ordinò la costruzione, Federico II, in molti pensano che potesse essere nato come una sorta di tempio del sapere, dove dedicarsi allo studio delle scienze e delle arti.

Altri storici suppongono che l’edificio richiamasse la forma di una corona, che fosse dunque un monumento con lo scopo di affermazione del potere imperiale.

Recentemente è stato ipotizzato che la sua funzione originaria fosse quella di un centro di benessere, per la cura di corpo e spirito, per la presenza di ingegnosi sistemi di canalizzazione e raccolta dell’acqua e delle più antiche stanze da bagno della storia.

Bagno di Castel del Monte

In realtà non si ha alcuna certezza del suo scopo originario, ma sappiamo che nei secoli fu utilizzato per diversi scopi.

Nel 1246 ospitò le nozze di Violante, figlia di Federico II, e anche in altre rare occasioni fu adibito a feste e ricevimenti.

Nel 1552 fu venduto al Conte di Ruvo che ne fece il suo luogo di villeggiatura.

Nel 1600 fu abbandonato, venne saccheggiato e divenne un rifugio per pastori e briganti, per poi essere adibito anche a carcere.

Nel 1876 venne acquistato dallo Stato Italiano che ne iniziò il restauro.

Dal 1996 Castel del Monte è Patrimonio dell’Umanità Unesco, per la sua storia e l’architettura particolare che unisce elementi dell’antichità classica medievale, del mondo islamico e dell’Europa nordica.

Un’opera unica nel suo genere, creata da rigorose e raffinate conoscenze matematiche, geometriche ed astronomiche.

SIMBOLISMO, MISTERI e LEGGENDE DI CASTEL DEL MONTE

Molti pensano che Castel del Monte fosse un progetto esoterico, legato a conoscenze occulte, per questo si pensa che proprio qui fosse custodito il Sacro Graal.

Il numero 8

Il numero 8 è il simbolo dell’infinito e manifesta l’unione tra il Divino e l’Uomo. 

Cortile ottagonale Castel del Monte

L’intero edificio è di pianta ottagonale, ci sono otto torri di forma ottagonale, otto stanze per ogni piano, otto finestre per ogni piano, anche il cortile interno è ottagonale e i gradini della scala a chiocciola sono 44. Un caso?

CHI ERA FEDERICO II DI SVEVIA

Appassionato di astronomia, filosofia e scienza, promotore di ideali di pace e tolleranza, Federico II di Svevia era un uomo colto che favorì lo sviluppo delle arti, dell’economia e della filosofia.

Nella sua vita fu Re di Germania, Re d’Italia, di Gerusalemme e Re di Sicilia; ma mentre gli altri sovrani partivano per le crociate, lui preferiva intrattenersi in conversazioni filosofiche e scientifiche con personaggi illustri della civiltà greca, araba e latina.

Statua di Federico II di Svevia

Amava confrontarsi con altre culture, lui stesso parlava sei lingue.

Rimandava costantemente le crociate, per questo venne scomunicato. In seguito alla scomunica si decise ad indire la crociata e partì per la Terrasanta nel 1228. 

Fu una crociata atipica: Federico II fu l’unico sovrano a vincere una crociata attraverso le trattative diplomatiche, senza l’uso delle armi, senza spargere una goccia di sangue.

Si dedicò particolarmente al prediletto Regno di Sicilia e la sua corte a Palermo fu un vero crogiolo di culture.

Voleva dare a tutti la possibilità di studiare e, col suo patrimonio personale, fondò molte scuole tra cui la prima università statale di tutto l’occidente, a Napoli.

Venne chiamato da molti suoi contemporanei “stupor mundi” e la sua personalità si manifesta in modo sublime a Castel del Monte.

Luoghi interessanti da visitare in Puglia

La Puglia offre panorami e città d’arte davvero stupende, alcune famose come Alberobello, la capitale dei trulli, altre spesso poco conosciute.

Andria ad esempio, il comune dove si trova Castel del Monte, è spesso esclusa negli itinerari, ma consiglio invece di visitare il paese, soprattutto Andria sotterranea. Fate tappa alla CasaMuseo, dove potete immergervi in un viaggio esperienziale indietro nel tempo, nell antiche grotte ritrovate. 

Gli ecoturisti non possono perdersi la Foresta Umbra, le cui faggete sono Patrimonio Unesco dal 2017. Ci sono molti sentieri di diversa lunghezza e difficoltà, da percorrere in autonomia o con delle guide ambientali. 

Buona Puglia a tutti!

post a comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Copiare testi e immagini protetti dal diritto d\'autore è un reato a tutti gli effetti (Legge sul Diritto d\\\'autore, Art.171)