Pages Navigation Menu
InstagramTwitterRssFacebook

A Cà Penelope – Il mondo in un agriturismo

Valentina Miozzo (lomo piccola)


Da otto anni i miei affetti, il mio lavoro e la mia casa, si fondono in un unico luogo: Cà PenelopeDieci anni fa era un rudere con una stalla e un fienile. Oggi è un agriturismo che ospita gente da tutto il mondo: turisti, volontari, amici e amici di amici. L’ho vista nascere. L’ho vista crescere. E’ la mia creatura. Nascosta in una piccola valle, ai piedi di una collina, è racchiusa tra la piccola cittadina di Maranello e i primi monti dell’Appennino. Cinque minuti guidando verso nord e si arriva in centro città, cinque minuti  verso sud e ci si perde in mezzo alle colline. 

serate cà penelope
In campagna il ritmo di vita è dettato dalle stagioni. L’arrivo dell’inverno si sente dall’odore dell’aria e dalla brina sull’erba. I galli cantano più tardi. L’inverno si passa in casa, a cucinare pane e tortea bruciar caldarroste di fronte al focolare, sorseggiando grappa e nocino, suonando, cantandochiacchierando della vita con amici e ospiti. Si mangiano le zuppe, di quelle genuine, succulente. Per prevenire l’influenza zuppa d’aglio ed echinacea, per la tosse e il mal di gola la propoli, per il dolore alle ossa l’arnica è l’erba più efficace. 
A volte si esce a far legna e si passano ore a spalar la neve affinchè tutti riescano a raggiungere casa. Ogni mattina, 365 giorni all’anno, bisogna uscire a dar da mangiare alle bestie, d’inverno è ancora più faticoso, perchè l’acqua ghiaccia dentro i tubi e la notte arrivano le volpi, speranzose di trovare qualche gallina fuori dall’aia. 
 

La primavera a Cà Penelope arriva quando la tartaruga esce dal lago dopo il letargo invernale e si mette immobile sul suo tronco.  A maggio arrivano migliaia di lucciole che decorano la vigna come fosse festa. Lo è. La primavera è il risveglio della natura dopo l’inverno, segna l’inizio delle fattorie didattiche con le scuole, dell’arrivo dei turisti, dei pranzi all’aperto, quando tutti si riuniscono per riposarsi dopo il duro lavoro della mattina, che per i contadini inizia all’alba.“Vigna e orto voglion l’uomo morto” si dice dalle mie parti. Il lavoro è tanto, ma la passione per la terra è travolgente. 

quarto stato hd
Quando arriva l’estate comincia la magia.  I falò all’aperto, la notte di San Giovanni, il Solstizio d’Estate, la preparazione del nocino, la mietitura, gli uomini che tornano dai campi, la rezdora che tira la pasta per i tortelloni, gli animali “innamorati”, la raccolta della frutta e della verdura, la panificazione, i mercati nei paesini, le feste, le lunghe tavolate che uniscono contadini, volontari, ospiti, amici e familiari. La vendemmia, momento di socialità e condivisione, è a settembre, ma il lambrusco in tavola… c’è tutto l’anno. 
Non sono una contadina, mi sono sempre occupata di turismo, in questo caso di turismo rurale, per natura caratterizzato da un’ospitalità autentica. 
Nel turismo rurale accogliere un turista significa “ricevere un ospite”, ben diverso da “ricevere un cliente”. E’ questa la vera ospitalità. Di agriturismi ce ne sono di tutti i tipi, ma ormai sono pochi quelli che mantengono i valori originari, le tradizioni contadine. Non bastano mucche e galline per fare turismo rurale. Ci vuole il calore umano. Quel calore che a Cà Penelope non è mai mancato.

agriturismo Cà Penelope maranello

Questo post vuole essere un invito ad assaporare un soggiorno in un vero agriturismo, ma è anche un ringraziamento ed un saluto a tutti coloro che hanno lavorato e tuttora lavorano a Cà Penelope, a tutti i volontari del wwoof, ai turisti di passaggio e ai fedelissimi che ogni anno tornano.

“Mi son visto di spalle che partivo,
ti saluto dai paesi di domani
che sono visioni di anime contadine
in volo per il mondo”
(Anime Salve, Fabrizio De André)

 



9 Comments

  1. Io a Cà Penelope sono stato varie volte e da turista posso dire che il posto è bellissimo, ma quello che fa la differenza sono le persone. Mi ricordo che quando la prima volta prenotai una camera chiesi se c’era l’aria condizionata e Valentina mi rispose “qui l’aria condizionata non l’abbiamo perché non c’è mai stato molto caldo nelle stanze, non ne abbiamo mai avuto bisogno, quindi se decide di venire da noi sarà benvenuto, ma si godrà il caldo estivo, che potrà innaffiare con del buon vino fresco. Se invece desidera l’aria condizionata le consiglio gli agriturismi qui nei dintorni (fornendomi i relativi siti e contatti), è mio interesse che Lei stia bene nel nostro territorio e si goda al meglio la sua vacanza, non che venga per forza da noi se non possiamo offrirle ciò che cerca. Rimango a disposizione se desidera prenotare o se desidera altre informazioni su Modena e dintorni”
    Rara onestà. Non ho mai prenotato altrove e sono sempre tornato a Cà Penelope a godermi il caldo estivo.
    Grazie a Cà Penelope per coccolarmi ogni estate.

  2. con energia, entusiasmo e amore le cose si possono realizzare, che bella ca penelope e la vita in agriturismo. bella e dura anche .. immagino.
    io son cittadina, prima viaggiatrice curiosa in luoghi lontani ora viaggiatrice sempre curiosa ma sottocasa perchè ho una piccolotta di 20 mesi e un ‘altro in arrivo . ti seguirò.. un abbraccio ovuqnue tus ia

    • Ciao Alice, scusa il ritardo, vedo solo ora il commento! Ho avuto dei problemi tecnici sul blog. Un grazie per il tuo contributo sul mio blog e tanti tantissimi auguri per l’attesa!!!

  3. Bisogna guardare i bandi dell'unione europea, regionali e nazionali. Ho preso finanziamenti per l'imprenditoria giovanile e imprenditoria femminile. Se fai agricoltura biologica ci sono anche dei vantaggi in più (ovviamente è meglio adottare il biologico non per ottenere più agevolazioni, ma proprio per scelta di stile di vita). Mi sono appoggiata alla Coldiretti, Organizzazione degli imprenditori agricoli. http://www2.coldiretti.it/chisiamo/Pagine/default.aspx
    Ciao!!

  4. Grazie mille Valentina per la tua splendida risposta. Quello che sei riuscita a fare da sola tu in questi anni ci da una speranza non indifferente, sappiamo che non sarà facile, ma crediamo nel nostro progetto e ce la metteremo tutta per realizzarlo!
    Un'altra domanda se posso, per i finanziamenti, la burocrazia è incredibile. Per la richiesta ti sei affidata a qualcuno di specifico (tipo geometra o commercialista) oppure te la sei cavata da sola?
    Grazie grazie grazie per la tua disponibilità!

  5. Ciao ragazzi! Purtroppo qua in Italia è sempre più difficile iniziare se non si hanno fondi. O una persona ha un suo casolare da ristrutturare, quindi già parte con delle risorse (e non è il mio caso) oppure bisogna sapersi destreggiare tra bandi e finanziamenti. Cà Penelope azienda è mia, l'ho creata io, ma le mura non sono mie: ho fatto un contratto con i proprietari: io pagavo la ristrutturazione e quindi non avrei pagato affitto per 15 anni. Risultato? Ci ho messo l'anima per creare un posto che dovrò probabilmente lasciare, allo stesso tempo ho imparato un mestiere (più di uno direi!). Ah dimenticavo: per pagare la ristrutturazione ho preso finanziamenti per imprenditoria femminile e agricoltura biologica, mica avevo tutti quei soldi! Al ritorno dal mio lungo viaggio voglio trasferire l'azienda Cà Penelope in un casolare nei dintorni.. che non ho! Come farlo ancora non so, per ora è solo un sogno. Il sogno di ri-creare un sogno già vissuto. Auguro anche a voi di riuscire a realizzarlo!

  6. Valentina ciao, siamo Giada e Pedro, per caso abbiamo trovato il tuo blog e il pezzo che hai scritto per salutare la tua casa e la tua terra è splendido, complimenti!
    Ti scriviamo per chiederti consigli riguardo la vita agreste. Al momento viviamo in Australia, da un anno e mezzo abbiamo cambiato radicalmente vita cercando il "benessere". Al momento crediamo che questo sia l'unico paese che economicamente ancora regge bene e ti offre opportunità di lavoro giornaliere, purtroppo però o per fortuna, dipende dai punti di vista, ci siamo sempre più resi conto che non è questa la vita che ci piace. Non ci piace vivere basando tutto sui soldi, sul puro denaro. Lavoriamo intere giornate per 800$ a settimana ma poi non abbiamo tempo per goderceli e riusciamo a vederci pochissimo. Tutta questa premessa, scusami, per dirti che il nostro sogno è quello di tornare in Italia e dedicarci ad un pezzo di terra che vorremmo tutto per noi, magari con una casa per poter ospitare qualcuno…insomma qualcosa come la tua Cà Penelope. Tu da dove hai iniziato?? Pensi sia fattibile iniziare tutto da zero??? Servono una montagna di soldi o risparmi di qualche anno possono bastare??? Siamo veramente intenzionati ad iniziare un progetto del genere e se potessi darci qualche informazione sarebbe grandioso.
    Grazie mille per il tuo tempo e scusami se sono stata un pò troppo "loquace"! 😀
    A presto!

  7. Grazie! Vi terrò tutti informati sulle mie avventure rurali in giro per il mondo! 😉

  8. Quello che scrivi sugli agriturismi di adesso è proprio vero, ormai sembra che basti avere una gallina e un cane in giro per dire di essere nel vero rapporto rurale. Hai avuto una bellissima esperienza con il tuo lavoro e speriamo comunque che tu possa averne di altrettanto belle in giro per il mondo, in cui magari ci incontreremo 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »