Pages Navigation Menu
InstagramTwitterRssFacebook

Senegal: fotografie e vita quotidiana in un villaggio africano

Nel 2010 ho avuto la possibilità di visitare il Senegal per tre mesi, di cui due passati nella savana sub sahariana, nel villaggio di Diol Kadd. Lì ho capito che si può vivere felici anche senza elettricità, senza auto, senza internet e senza cellulare. Ci si sposta a dorso d’asino o in una carrozza trainata da un cavallo,  si fa la spesa nell’orto o in mezzo al deserto, dove spuntano – dal nulla, quasi per magia – dei mercati. Ho vissuto per due mesi la quotidianità di un villaggio africano: i lavori nei campi, il rituale dei saluti, le preghiere serali, le assemble del villaggio, i rapporti tra le mogli dello stesso marito, la preparazione del cibo, gli incontri di lotta senegalese, i balli a ritmo di tamburi sotto la luna piena… e ho imparato anche un po’ di wolof. Non sono l’unica ad essere rimasta affascinata da questo luogo:  poco dopo il mio ritorno Gianni Celati – scrittore e regista italiano – ha dedicato un libro e film-documentario a Diol Kadd.
Quella che segue è una selezione di fotografie e brevi video che riassumono i miei 3 indimenticabili mesi in Senegal: dalla caotica Dakar alla paradisiaca Ile de Gorée, dalla rigogliosa Casamance all’arida savana e la vita a Diol Kadd.
.

Senegal-Madiaye-Diol-KaddIl villaggio di Diol Kadd racchiude una storia meravigliosa, quella di Mandiaye, un immigrato senegalese che, arrivato in Italia alla fine degli anni ’80, si improvvisa venditore ambulante, poi sarto, fino a diventare un attore storico del Teatro delle Albe. Mandiaye torna dopo anni a Diol Kadd e vedendo che i giovani stanno lasciando il paese, decide di coinvolgerli in un progetto teatrale che cambierà radicalmente la vita del villaggio. Sembra una favola, ma è tutta realtà. Linda Pasina ha dedicato un libro alla vita di questa persona straordinaria, che ci ha lasciato improvvisamente a giugno 2014. Mi ritengo fortunata ad averlo conosciuto e ad aver condiviso con lui e la sua famiglia tanti indimenticabili momenti.
–> Chi era Mandiaye N’Diaye e l’amicizia con Gianni Celati. 

Senegal-Diol-Kadd



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »