Pages Navigation Menu
InstagramTwitterRssFacebook

Le 6 palme che crescono solo alle Seychelles

Le Seychelles – meta rinomata per le spiagge paradisiache e non per la sua meravigliosa giungla incontaminata – sono spesso visitate per soggiorni di relax al mare, ma in realtà sono la destinazione ideale per gli escursionisti che amano camminare in natura. Ho la fortuna di essere Guida Ambientale Escursionistica alle Seychelles (qui trovi itinerario e date di partenza) e parte del mio lavoro consiste nella mediazione uomo-natura, fornendo informazioni sulla ricca vegetazione di queste isole sperdute nel mezzo dell’Oceano Indiano.

Questo articolo ti sarà utile per riconoscere i vari tipi di palme che vedrai durante il tuo viaggio; in particolare il Coco de Mer, che si trova solamente in un isola delle Seychelles e vanta il seme più grande del mondo.

1 – PALMISTE O PALMA DEL MILIONARIO Hai mai visto i cuori di palma in vasetto in qualche negozio di cibo etnico? Sono chiamati anche palmiti e vengono da varie specie di palme, tra cui anche il Palmiste. Questa palma si riconosce facilmente per la parte finale del tronco completamente liscia, di colore verde/beige. Viene chiamata palma del milionario perché per un piccolo cuore di palma è necessario tagliare l’intera pianta, per questo è considerato un alimento di lusso e porta questo nome. Oggi alle Seychelles è vietato tagliare queste palme per mangiarne la polpa.

Palmiste

Palmiste – Deckenia nobilis – Latannyen Palmis in creolo

2 – PALMA DEL LADRO Nome atipico, di cui devo ancora scoprire le origini. E’ la palma più diffusa delle Seychelles, ha le spine alla base ed è caratterizzata da una grande foglia larga, che nelle piante giovani è unita e compatta, mentre in quelle adulte è divisa in due o suddivisa in più parti per il deterioramento. Le foglie giovani sono completamente impermeabili, in passato erano usate per i tetti delle case.

Phoenicophorium borsigianum

Palma del Ladro –  Phoenicophorium borsigianum – Latannyen Fey in creolo 

3 – PALMA TRAMPOLO La palma trampolo, Latannyen Lat in creolo, sviluppa alla base del tronco un cono di radici aeree. Si confonde spesso col pandanus, perchè entrambe le piante hanno le radici aeree, dei veri capolavori della natura. E’ semplice riconoscere la palma trampolo dall’albero di pandanus grazie al fogliame: nel pandanus le foglie sono lunghe e strette, nella palma trampolo sono grandi e arrotondate, suddivise in tante strisce.

Palma trampolo o palma palafitta – Verschaffeltia splendida – Latannyen Lat in creolo

Ecco anche la foto di un pandanus, così sarà più semplice notare la differenza del fogliame.

4 – PALMA MILLEPIEDI Il nome è dovuto alle tante foglie lunghe e sottili che ricordano le zampe di un millepiedi. Ha uno stelo abbastanza sottile, massimo 18 cm di diametro e produce piccoli frutti rossi. Le piante più giovani hanno steli rossastri coperti di spine.

 Latannyen Milpat

 Palma millepiedi – Nephrosperma van-houtteanum – Latannyen Milpat  in creolo

5 – PALMA ROSCHERIA  Prende il nome dall’esploratore tedesco Albrecht Roscher, è la più piccola tra le palme delle Seychelles. È anche più difficile da trovare in quanto cresce ad “alta” quota (da 500 a 900 metri). Le foglie sono disposte apparentemente come nella Palma Millepiedi, ma in realtà la disposizione è irregolare e le foglie sono leggermente più larghe.

Latannyen Oban

Palma Roscheria – Roscheria melanochaetes  – Latannyen Oban in creolo

6 – COCO DE MER  Io ne sono innamorata, entrare nella foresta di Coco de Mer è un tuffo nella preistoria. Questa palma cresce solo in un’isola delle Seychelles, a Praslin, e si può considerare a tutti gli effetti una pianta preistorica che si è conservata fino ai giorni nostri. Ci sono alcuni esemplari anche nell’isola di Curieuse, sempre Seychelles. E’ la pianta che produce il seme più grande del mondo, un seme che può arrivare a pesare fino a 24 kg.

La foglia può arrivare fino a 10metri di altezza, quindi prova ad immagine cosa singnifica camminare in mezzo a una foresta di Coco de Mer, nella una zona protetta e incontaminata della Valle de Mai, dichiarata dall’Unesco Patrimonio dell’Umanità. Un posto unico al mondo, il cui ecosistema è intoccato da millenni, da quando i continenti erano ancora uniti. Incredibile. Molto probabilmente la foresta più antica della Terra.



2 Comments

  1. Grazie Vale di questo interessante articolo :)
    Due domande:
    1) I frutti di queste palme sono tutti commestibili?
    2) Oltre la pianta del Milionario ci sono altre palme che sono protette? Forse il Coco de Mer?

    • Ciao Claudio, grazie a te per il tuo commento ed interesse. La noce del Coco de Mer è commestibile, non il frutto, che si presenta come un cocco, di cui appunto si mangia la nota “noce di cocco”. Essendo una pianta protetta le pietanze a base di Coco de Mer sono costosissime e – per fortuna – prevale la conservazione sul consumo; è una pianta unica al mondo! Le altre palme invece non hanno frutti commestibili e sono molto diffuse nelle isole, quindi sono tutelati solo il Coco de Mer e il Palmiste. Alle Seychelles si mangia praticamente solo la noce di cocco, in tutte le sue fasi evolutive (che non è nella lista perchè è diffusa in molte altre parti del mondo). Spero di aver risposto alle tue domande, per altri dubbi chiedimi pure :) Un caro saluto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »